di Natascha Fioretti

L’edizione di quest’anno e quelle che verranno saranno «nel segno della continuità» ci dice Matteo Campagnoli, tra i fondatori della manifestazione e ora – dopo la partenza di Vanni Bianconi – anche direttore artistico. In un panorama festivaliero letterario denso di appuntamenti nella Svizzera…


di Giorgia Del Don

«Il sarto del vento», come amano definirlo i parigini, si è spento all’età di ottantaquattro anni lasciandoci un’eredità che si estende ben oltre il mondo della moda, un’eredità fatta di leggerezza e una discrezione non sprovvista di giocosità che lo rendono unico. Creatore di vestiti (e non…


di Eliana Bernasconi

È pervasa da un filo conduttore che pone interrogazioni al pensiero contemporaneo e ne addita limiti e contraddizioni l’ormai lunghissima opera saggistica di Massimo Cacciari, spesso tradotta nelle principali lingue. Parte dal pensiero negativo di Nietzsche e Wittengstein con una radicale critica…


di Letizia Bolzani

«Un eroe non è necessariamente chi vince, ma chi combatte una buona battaglia». Me le ricordo bene, queste parole che Mino Milani diceva nel suo studio in Piazza San Pietro in Ciel d’Oro a Pavia, con un Dry Martini in mano, tra il rosso garibaldino degli arredi e il nero guizzante della sua gattina…


di Emanuela Burgazzoli

A fine aprile a Kiev veniva demolita la statua dell’amicizia tra Russia e Ucraina: alta otto metri, costruita nel 1982, raffigurava due operai in bronzo che sorreggevano la stella dell’Ordine dell’Amicizia tra i popoli. Un’amicizia di cui oggi non resta più nulla. È l’ultimo di una lunga serie di…


di Stefano Vassere

Si ha la certezza di pronunciare ormai un’ovvietà dicendo che il tema dell’attuale sociolinguistica italiana è oggi quello del linguaggio inclusivo, specie nel suo «perimetro» del linguaggio rispettoso del genere. Il panorama è fitto e non è difficile trovare nei cataloghi di questi mesi…


di Benedicta Froehlich

Il fatto di vivere in un’epoca ipertecnologizzata – in cui molte delle invenzioni e innovazioni previste dai maggiori scrittori di fantascienza del Novecento possono ormai definirsi realtà – ha forse portato molti di noi a dimenticare come il cosiddetto genere «fantastico» possa definirsi ancora…


di Paolo Di Stefano

Chi lo considera un genio, chi lo considera poco più che un mistificatore della letteratura che sulla letteratura ha costruito la sua popolarità. Un suo aspro oppositore, Alfonso Berardinelli, ha scritto che Pietro Citati «ha trasformato la scrittura critica in narrazioni riassuntive di dimensioni…