Sport in Azione


di Giancarlo Dionisio

L’hockey ticinese ha fame di ghiaccio. Il ciclismo ticinese anela a percorsi sicuri. Nel primo caso servono soldi e lungimiranza. Nel secondo, la missione parrebbe impossibile. Per anni, Ticino Cycling si è arrabattata tra pubblico e privato, tra marsine da tirare, ipotesi, promesse,…

Viaggiatori d'Occidente


di Claudio Visentin

Da quando abbiamo dimenticato libri e quaderni perché leggiamo e scriviamo in rete, inevitabilmente pensiamo anche nelle forme della cultura digitale. D’altronde già negli anni Sessanta il sociologo canadese Marshall McLuhan scriveva che il «medium è il messaggio», ovvero che nella…

A due passi


di Oliver Scharpf

Il campanile all’origine del soprannome appioppato, all’epoca, dalla gente del quartiere alla prima chiesa in beton della Svizzera, lo becco subito appena sceso dal tram numero uno. Rettangolare e smilzo, non ci vuole certo un occhio da spügnölatt per vederlo svettare come un…

In&Outlet


di Aldo Cazzullo

L’Iran ci aveva abituati alle guerre per procura. Da anni il regime di Teheran arma Hezbollah in Libano, Hamas e la Jihad islamica a Gaza, gli Houthi in Yemen, più le sue milizie in Siria e in Iraq. Per la prima volta, nella primavera del 2024, l’Iran ha colpito direttamente Israele.…

Il presente come storia


di Orazio Martinetti

Eccoci al termine del ciclo elettorale 2023-2024 (Cantonali, Federali, Comunali). L’anno prossimo ci sarà una coda con la chiamata alle urne dei nove Comuni che in questo giro sono rimasti fermi, ma sostanzialmente tutte le pedine sono state collocate sulla scacchiera. Non ci sono…

Il Mercato e la Piazza


di Angelo Rossi

Quando si considerano le possibilità di sviluppo di un’economia, o di un insieme di economie, nel lungo termine, l’indicatore maggiormente affidabile è costituito dalla produttività del capitale e del lavoro, la cosiddetta produttività totale. Esso addiziona le produttività dei due…

Editoriale


di Carlo Silini

A farmi intuire il fascino vertiginoso e la portata filosofica delle scritte sui muri è stato, anni fa, un monaco di clausura in Svizzera francese che, nella prima parte della sua vita, aveva visitato, con intenti poetico-antropologici, i gabinetti pubblici di numerose città. Aveva…

Editoriale


di Carlo Silini

In napoletano «lavorare» si dice «faticà», cioè «fare fatica». Il termine veicola un concetto poco entusiasmante, assai lontano dall’idea che esercitare un mestiere ci colmi di gioia. E adombra l’atteggiamento tra l’ironico e il disilluso che caratterizza il rapporto tra i napoletani…