Ripensare la rotonda
di Nicola Mazzi

Ci sono 8300 metri quadrati (una superficie più grande di un campo di calcio) alle porte della Piazza Grande di Locarno che, per la maggior parte del tempo, sono inutilizzati. Sono quelli della rotonda di Piazza Castello. Metri quadrati che fanno regolarmente discutere i politici e i...

Più controlli «grazie» a Chernobyl
di Elia Stampanoni

La rete di rilevamento SwissMetNet di MeteoSvizzera conta 160 stazioni di misura automatiche che ogni dieci minuti forniscono numerosi dati meteorologici e climatologici, ma anche altri parametri, tra cui quello relativo alla radioattività, accertato costantemente in una settantina...

Spazzacamini ticinesi a Vienna
di Flavio Zanetti

Correva l’anno 1879 quando i due fratelli Giovanni Battista e Celestino Leoni, originari di Contone, oggi comune di Gambarogno, non trovando occupazione in patria decisero di emigrare in direzione di Bratislava, ora capitale della Slovacchia e allora parte dell’Impero...

Censire gli alberi da frutto
di Guido Grilli

Cercansi melo, pero, ciliegio, pesco, prugno, fico. Ma anche castagno, caco, cotogno. Persino il rosso e spontaneo corniolo, il gelso o il nespolo. Alzi la mano chi possiede un albero da frutto nel proprio giardino o chi ha antica memoria della presenza di un albero da frutto con...

La «Voce» della luna
di Red.

Per descrivere il volumetto curato dal Centro di dialettologia e di etnografia di Bellinzona viene proprio da citare una delle formule messe in rilievo all’interno del testo. Questo nuovo libro, dunque, sicuramente «l’è bón da fagh i barbís ara lüna», è capace di fare i baffi...

L’architetto con l’occhio del critico
di Alberto Caruso

La scomparsa di Paolo Fumagalli lascia un grande vuoto non soltanto nel mondo del dibattito e della ricerca architettonica, ma anche più in generale nel mondo della cultura. L’autorevolezza della sua figura e della sua opinione deriva da una vita di battaglie culturali sui temi che...

Rivitalizzare la città, coinvolgendo
di Alessandro Zanoli

Come garantire la vitalità ai nuclei urbani, in un periodo in cui la loro fisionomia e la loro funzione commerciale viene messa in crisi dalle nuove abitudini degli abitanti-consumatori? Negli ultimi anni il quesito è sul tavolo di varie amministrazioni comunali, che temono un...

Nuova vita per gli edifici dismessi
di Fabio Dozio

A Salorino un cappellificio si è trasformato in abitazioni. A Balerna una fabbrica di sigari è diventata centro polifunzionale di servizi. A Mendrisio una filanda è rinata come centro culturale e biblioteca. A Lugano la ex centrale termica ospita una multisala cinematografica. In...