Il lampo di Opel indica la via elettrica

Motori - Al Salone internazionale dell’Auto di Francoforte, la casa tedesca ha presentato le sue ultime novità facendo dell’elettrico la propria bandiera
/ 23.09.2019
di Mario Alberto Cucchi

Fulmine, saetta, folgore. Tre termini che indicano lo stesso fenomeno atmosferico legato all’elettricità. Il fulmine si trova proprio all’interno del logo della casa automobilistica Opel che all’ultimo Salone Internazionale dell’Auto di Francoforte 2019 – www.iaa.de/en/cars – ha fatto dell’elettrico una bandiera. Ecco allora che sullo stand, dove è arrivata anche la cancelliera tedesca Angela Merkel, sono stati presentati in anteprima mondiale la nuova Opel Corsa-e e il nuovo Grandland X Hybrid4. 

Opel ha permesso ai visitatori di gettare uno sguardo virtuale sotto la carrozzeria di questi modelli grazie a un sistema di Realtà Aumentata. Servendosi di tablet appositamente configurati, i visitatori della «OPELHAUS 120» hanno osservato ai raggi X le novità tecniche di Corsa-e e Grandland X Hybrid4, solitamente nascoste. 

In questo modo il costruttore ha reso più facile la comprensione della mobilità elettrica, una tecnologia pulita, efficace e potente. Basti pensare che Grandland X Hybrid4 a trazione integrale è in grado di erogare una potenza sistema di 300 cavalli. Decisamente ecologici anche i propulsori della nuova Opel Astra: cinque motori che registrano emissioni di CO2 inferiori a 100 g/km e vantano un coefficiente di resistenza aerodinamica eccezionalmente basso, pari a 0,26. 

«In centoventi anni di produzione automobilistica, Opel ha sempre unito l’ingegneria tedesca e la passione per il design, permettendo a tutti di accedere a innovazioni e tecnologie pionieristiche. Oggi questo atteggiamento vale più che mai per la mobilità elettrica», ha dichiarato il CEO del costruttore tedesco, Michael Lohscheller, parlando dell’offensiva Opel sulla mobilità elettrica. Al debutto quindi la sesta generazione di Opel Corsa, che verrà ricordata per essere la prima a portare in dote una versione completamente elettrica. Una Corsa che ha poco a vedere con il passato, si tratta di un’auto molto più comoda. Cresciuta in dimensioni, ora è lunga 4,06 metri, con maggiore spazio riservato agli occupanti. A bordo tanta tecnologia, a partire proprio dal gruppo propulsivo della versione elettrica che promette una validissima autonomia grazie alla batteria da 50kWh. Gli ingegneri tedeschi dichiarano infatti 330 chilometri come percorrenza effettiva. A bordo anche una telecamera anteriore in grado di riconoscere vetture e pedoni per eventualmente attivare la frenata automatica d’emergenza. La stessa telecamera è in grado di riconoscere i segnali stradali, riportando nel quadro strumenti i limiti di velocità in vigore nel tratto di strada che si sta percorrendo. Non manca il Cruise Control, che comprende il limitatore di velocità e il sistema di mantenimento della corsia che fa il suo debutto proprio su Corsa. L’evoluzione di questo sistema è il Lane centering assist che mantiene Corsa centrata nella corsia con l’intervento sullo sterzo. 

Insomma, davvero tanta tecnologia. Sullo stand Opel non c’erano solo auto per tutti i giorni, ma anche versioni da motorsport. A Francoforte ha debuttato infatti Corsa-e Rally. Opel è il primo costruttore a presentare un’auto da rally elettrica a batteria per le competizioni amatoriali, in programma dal prossimo anno con la ADAC Opel e-Rally Cup. Sarà probabilmente veloce come un fulmine.