Le vie del multiverso sono infinite

Videogiochi – Arriva Ratchet & Clank: Rift Apart, un gioco d’avventura che mette in risalto tutte le caratteristiche e il dinamismo delle console di nuova generazione
/ 21.06.2021
di Davide Canavesi

L’arrivo dei mesi estivi solitamente significa calma piatta per quanto riguarda le uscite di nuovi videogiochi. D’altra parte, perché non approfittare della bellezza della Svizzera coi suoi fiumi, laghi e montagne? Tutto questo però a PlayStation non interessa, visto l’uscita del nuovo Ratchet & Clank: Rift Apart agli inizi di giugno. Un titolo molto atteso per diversi motivi, non da ultimo il fatto che si tratta del primo vero assaggio di next gen.

In Ratchet & Clank: Rift Apart, gioco d’avventura e azione prodotto da Insomniac Studios, ritorneremo in compagnia del Lombax più famoso della storia di PlayStation. Anzi, in realtà dell’unico Lombax esistente, visto che l’incipit del gioco è proprio la ricerca, da parte di Ratchet, di altri membri della propria specie. Il gioco si apre con una festosa parata in onore dei due eroi che hanno salvato la galassia innumerevoli volte. Un’idea interessante, di solito gli eroi dei videogiochi devono sempre e solo salvare il mondo senza ricevere chissà quali complimenti alla fine. Tuttavia, come scontato, il dinamico duo dovrà di nuovo farsi in quattro per salvare la situazione e impedire al Dottor Nefarious di compiere nuove malefatte. Questa volta però la colpa è di Clank: il robottino ha creato una tecnologia in grado di aprire portali dimensionali per permettere al compagno di esplorare il multiverso alla ricerca di altri suoi simili. Il malvagio Nefarious ruba il congegno, procede a distruggerlo per errore, scatenando catastrofici eventi a catena in tutta la galassia. Le realtà cominciano a fondersi, mostri si riversano nelle strade cittadine, il caos regna sovrano. L’unica linea d’azione possibile è rimboccarsi le maniche e tentare di riparare al danno causato. Ma le vie del multiverso sono infinite… specialmente perché i due protagonisti si ritroveranno ben presto separati l’uno dall’altro! Ratchet in una dimensione e Clank in un’altra. Fortunatamente per quest’ultimo, lo attende un incontro davvero inatteso: una tostissima Lombax di nome Rivet.

Ratchet & Clank: Rift Apart è il più classico dei giochi d’avventura con una spiccata vena platform. Nel corso della storia ci ritroveremo infatti ad esplorare diversi mondi, saltando, sparando, scivolando e schivando attacchi nemici. Ma in Rift Apart c’è anche altro. Per prima cosa i personaggi giocabili sono quattro: Ratchet, Clank, Rivet e Glitch. La maggior parte del gioco sarà visto attraverso gli occhi di Ratchet o di Rivet. Troveremo anche sezioni più orientate alla risoluzione di piccoli enigmi ambientali nei panni di Clank e intermezzi d’azione frenetica con Glitch, un adorabile robot in formato mini. L’avventura ci porterà a visitare diversi pianeti, scontrarci con diverse tipologie di nemici e fare la conoscenza di buffi personaggi. Lo humor di Ratchet & Clank: Rift Apart è orientato verso un pubblico più giovane ed è un continuo di battutine e buffe gag che comunque funzionano anche per i giocatori più navigati. Saremo chiamati ad esplorare liberamente diverse ambientazioni, con la possibilità di concentrarci solamente sulla storia principale, oppure tentare di portare a termine anche compiti secondari e collezionare diversi oggetti. La progressione dei personaggi si concentra sullo sbloccare nuove armi e scambiare risorse con potenziamenti. Troveremo diversi elementi cosmetici per perfezionare l’aspetto dei nostri personaggi in base ai nostri gusti. Portare a termine il gioco nella sua totalità prenderà una ventina di ore, una cifra del tutto rispettabile per un gioco di questo genere.

In apertura abbiamo detto che Ratchet & Clank: Rift Apart è un primo vero assaggio di next gen. Il motivo è presto detto: non sarebbe stato possibile, nella sua forma attuale, sulle vecchie console. Il gioco infatti permette al giocatore di passare da una dimensione all’altra senza soluzione di continuità. A titolo di esempio, ci ritroveremo su un pianeta completamente distrutto da un cataclisma, con enormi rocce fluttuanti nel vuoto cosmico. Grazie a degli speciali cristalli potremo passare in men che non si dica ad una versione alternativa del mondo in cui incontreremo abitanti e una fervente attività. Il tutto senza caricamenti. Il merito di questo gioco è quello di dimostrare quanto un’esperienza senza lunghe attese per caricamento cambi la nostra percezione del gioco. Questo nuovo Ratchet & Clank dà più la sensazione di film animato, con transizioni fluide tra cinematiche e gameplay. Non ci sono video pre-renderizzati, nessuna schermata nera ad interrompere il flusso degli eventi. Non bisogna nemmeno dimenticare il fatto che graficamente questo gioco è di primissimo ordine. Anche comparandolo con il film in computer graphic del 2016 questo gioco per PlayStation 5 non sfigura minimamente. La potenza del nuovo hardware insomma non è solamente una evoluzione ma una rivoluzione perché permette l’introduzione di nuove meccaniche di gioco che rendono più fresca l’esperienza.

Ratchet & Clank: Rift Apart è una delle ragioni per portarsi a casa una PS5, anche se l’attuale condizione del mercato rende assai complicato procurarsene una. Tecnicamente il gioco è una meraviglia, la storia non è forse molto originale ma è interessante quanto basta. Lo humor e i personaggi sono piuttosto memorabili. Insomma, magari ogni tanto possiamo anche lasciar perdere lago e montagna?