I corsi in programma
Conoscere la sanità nella pratica quotidiana
Mercoledì 25 marzo 2020, dalle 09.00 alle 18.00, Fr. 240.–
Sede di Lugano

La comunicazione assertiva con il paziente
Giovedì 23 aprile 2020, dalle 09.00 alle 18.00, Fr. 240.–
Sede di Lugano

La protezione dei dati nella pratica del segretariato medico
Mercoledì 6 maggio 2020, Dalle 09.00 alle 13.00, Fr. 120.–
Sede di Lugano

www.scuola-club.ch
Bellinzona 091 8217850
Locarno 091 8217710
Lugano 091 8217150
Mendrisio 091 8217560


Organizzare la salute è anche una sfida formativa

Scuola Club Migros Ticino - Sono in partenza nuovi moduli per profili amministrativi
/ 04.11.2019

«Secondo uno studio del Credito svizzero di alcuni anni fa, nel 2030 la sanità sarà probabilmente il maggiore datore di lavoro in Svizzera. Se ci sarà necessità di professionisti della salute, ci sarà anche bisogno di figure amministrative preparate e professionali» racconta Maria Grazia Mele, formatrice alla Scuola Club di Migros Ticino, da 25 anni professionista in ambito sanitario.

Ci troviamo all’interno di una grande transizione demografica che vedrà mutare profondamente il volto della popolazione e le sue domande di vita buona. Tutto questo andrà inevitabilmente ad impattare sulla tipologia di servizi offerti, sui modelli organizzativi adottati, su ruoli e professioni con l’emergere di nuovi bisogni formativi, anche in campo amministrativo.«Pensiamo all’innovazione tecnologica, ad esempio alla cartella sanitaria» continua Maria Grazia «il mondo del lavoro ha da tempo abbandonato il modello dell’impiegato esecutore per sviluppare un profilo di professionista capace, nel suo agire, di attivare tutte le competenze necessarie. Si lavorerà sempre più in contesti interprofessionali dove tutte le figure coinvolte nel processo di cura collaborano attivamente e dove le conoscenze, anche amministrative, devono essere allineate. Tutto il personale giocherà sempre più un ruolo determinante».

Maria Grazia sa di cosa parla. Una consolidata conoscenza del contesto sanitario e un impegno crescente nel campo della formazione le consentono di rispondere ai mutamenti della domanda sanitaria con una proposta inedita, concentrata ed efficace, ora in partenza alla Scuola Club. I nuovi moduli sono un prosieguo del corso base di Segretariato medico avviato con successo lo scorso anno dalla Scuola Club, e ora riproposto, dove i partecipanti sono interessati ad approfondire tematiche legate ad un’area professionale in grande evoluzione, soprattutto per quanto riguarda il profilo dei collaboratori all’interno di studi privati.

«Questa nuova offerta vuole essere molto pratica, con un linguaggio comprensibile e immediatamente applicabile al contesto. Si tratterà in modo semplice del sistema sanitario svizzero, dalla gestione della cartella sanitaria alla protezione dei dati. Risponderemo alla domanda: dove posso reperire le informazioni utili alla mia attività? Parleremo anche della comunicazione con il paziente secondo il modello assertivo, anche qui partendo dalla pratica. Nella formazione ci saranno esempi tratti dall’agire quotidiano. Il mio orientamento quale formatrice è quello di beneficiare di un modello legato alle esperienze dei partecipanti e con l’apporto di nuove conoscenze invitare gli stessi ad una professionalizzazione del proprio profilo, migliorando attitudini, capacità e conoscenze» puntualizza Mele.

I nuovi moduli tematici si propongono di contribuire allo sviluppo di un profilo professionale dell’ambito sanitario capace di muoversi tra colleghi e professionisti con consapevolezza e competenza.«Il personale amministrativo attivo presso i segretariati medici di ospedali, cliniche e studi medici necessita di conoscenze sempre aggiornate legate ai diversi contesti professionali. Inoltre non dobbiamo dimenticare che il contesto sanitario tratta dati sensibilissimi e si confronta con persone sofferenti e bisognose di attenzione. Infine, vi sono limiti definiti da leggi e regolamenti che vanno conosciuti e applicati. Parliamo di un ambito sottoposto a trasformazioni continue che richiede persone in costante aggiornamento» conclude Maria Grazia Mele. «Siamo confrontati con sfide e innovazioni epocali ed è responsabilità di ognuno di noi mantenere vivo il proprio know-how».