Michele Straniero e i «Cantacronache»
di Carlo Piccardi

Nel 1958, quando Michele Straniero (1936-2000) con Sergio Liberovici e Fausto Amodei diede vita ai «Cantacronache», il riferimento non era alla canzone di consumo, di puro intrattenimento, ma alla canzone di testimonianza e di denuncia, «di protesta» come si diceva, in una...

Il talento di Blunt
di Simona Sala

Come qualsiasi «insider» dell’industria discografica ben sa, vi sono alcune regole imposte dal sistema che è molto difficile, per qualsiasi artista di un certo successo, riuscire a bypassare: e una delle più vincolanti è certo rappresentata dall’obbligo di pubblicare periodicamente...

Genio dimenticato
di Alessandro Zanoli

Il libro nasce sotto gli auspici della Fondazione Bru, che gestisce il Centro di musica romantica francese ospitato nel Palazzetto Bru Zane di Venezia, e che sostiene le ricerche in questo particolare periodo della storia musicale francese. Sotto la stessa egida Clericetti ha già...

Da Olivone al podio
di Enrico Parola

Un chef d’orchestre entre deux siècles. Il titolo che ha scelto per il suo recente libro mette a tema l’elemento determinante la biografia, non solo artistica, di Luca Pfaff: per il musicista ticinese (è nato a Olivone 77 anni fa) il podio è stata una predestinazione suggerita da una...

Strenne musicali per tutti i gusti
di Alessandro Zanoli

Roots, Navrée affaire (2021, Studio Canàa Losone) Uscito nel corso dell’anno, colpisce per la sua grafica che rimanda ovviamente a un’altra band e a un altro stile (ha comunque il merito di averci fatto ricordare Phrenology, e ci mandato a riascoltarlo). «Questi» Roots (membri del...

Modernità di Petruška
di Carlo Piccardi

Anche se è usanza indicare nel Sacre du Printemps (1913) il punto di volta dello stile stravinskiano e la sua prepotente irruzione nel campo della musica moderna, la posizione di Petruška è quella di un momento chiave altrettanto significativo, considerando il fatto che esso precede...

Linguaggi nuovi e complessi
di Enrico Parola

«Ho iniziato per caso, a sette anni: papà portò in casa un vecchio pianoforte usato, a quell’età ci si mette su subito le mani per gioco, si strimpella; ma ben presto il gioco si fece interessante, diventò studio rimanendo divertimento, prima complementare ad altro – mi sono...

La parabola di Enrico Caruso
di Giovanni Gavazzeni

La parabola di Enrico Caruso è quella di un grande sogno: l’emigrante che lascia miserie e difficoltà del paese natale e trova il successo oltreoceano. Conquista quell’America amara che accoglieva gli emigranti italiani con i lavori più duri e umilianti. Caruso diventa la stella più...