Pressione, dialogo o «regime change»?
di Giulia Pompili

La strategia dell’America contro la minaccia nordcoreana è già cambiata da un pezzo, dicono nei corridoi del ministero della Difesa giapponese. Secondo i funzionari di Tokyo, Donald Trump vuole risolvere l’unica questione internazionale che nessun presidente finora è riuscito a...

L’America (per ora) vola
di Federico Rampini

A un anno dal voto Donald Trump ha buon gioco a rinfacciare ai suoi nemici gli scenari catastrofici pre-8 novembre 2016: una sua vittoria oltre che impossibile venne descritta come l’Apocalisse per economia, mercati, ecc. Da allora è successo il contrario. Non è neppure scoppiata la...

Da Weinstein a Westminster
di Cristina Marconi

È un palazzo vecchio, pieno di corridoi e di anfratti, dove la sera si fa spesso tardi e dove ci sono ben otto bar dove bere qualcosa, Westminster. Un posto di cui nessuno, neppure chi grida alla caccia alle streghe in questi giorni di denunce tardive e rivelazioni più o meno...

Dodici giorni in Asia, molte le sfide di Trump
di Beniamino Natale

Negli anni Settanta decine di cittadini giapponesi furono rapiti da agenti della Corea del Nord. Come in un film di James Bond, alcuni dei rapitori arrivavano sulle coste giapponesi sui sommergibili, drogavano gli ignari giapponesi e li portavano nel loro Paese, allora guidato dal...

Nuove strategie per vecchi problemi
di Francesca Marino

«Gli americani dovrebbero accettare la sconfitta, ammettere il fallimento in Afghanistan, e ripartire da qui per trovare una soluzione». Così parlò il ministro degli Esteri pakistano Khawaja Asif immediatamente dopo l’incontro, un breve incontro, con il segretario di Stato americano...

Verso la riconciliazione della Palestina
di Marcella Emiliani

La notizia, il 17 settembre scorso, è passata un po’ sotto silenzio. Il giorno dopo a New York si sarebbe aperta l’Assemblea generale dell’Onu e tutta la stampa internazionale era in febbrile attesa dei «pronunciamenti» del presidente degli Stati Uniti Donald Trump in merito alle due...

Argentina, si conferma la svolta a destra
di Angela Nocioni

Si conferma la svolta a destra dell’Argentina, verso la «derecha liberal» di Mauricio Macri. Perde quota il peronismo di sinistra della ex presidente Cristina Kirchner. Le elezioni di metà mandato sono state vinte dai candidati del governo guidato da Macri, con oltre il 40% dei...

Ombre cinesi
di Lucio Caracciolo

Le forme e le apparenze sono chiare: Xi Jinping esce trionfatore dal XIX Congresso del Partito Comunista Cinese. Ne esce come leader assoluto, avendo iscritto il suo pensiero nello statuto stesso del massimo organo politico e istituzionale dell’Impero del Centro, al medesimo livello...