Ma la critica musicale serve davvero a qualcosa?
di Zeno Gabaglio

«Dalla lettura dei quotidiani italiani, inglesi, tedeschi e francesi dell’Ottocento emerge chiaramente un’attenzione forte nei confronti delle novità musicali e operistiche del tempo, con discussioni dai toni accesi e a volte apertamente polemici, con schieramenti e prese di...

Christine, quarant’anni più tardi
di Benedicta Froelich

Nell’ambito della cultura popolare, esistono casi in cui quello che il geniale psicoanalista svizzero Carl Gustav Jung chiamava «inconscio collettivo» sembra operare in maniera misteriosa e, per noi, spesso imperscrutabile. Non c’è altro modo di spiegare il curioso fenomeno...

Cantare Violetta alla Scala e non morire
di Enrico Parola

Alta, bionda, tedesca: essendo una diva assoluta della lirica mondiale vien spontaneo figurarsela come un’algida valchiria, discesa dall’inaccessibile Valhalla wagneriano per soggiogare i melomani dei cinque continenti. Ma bastano poche frasi per capire che il mondo di Diana...

Splendidamente prevedibile
di Benedicta Froelich

Vi sono alcuni nomi, all’interno del panorama musicale internazionale, in grado di rappresentare, per così dire, una vera e propria «garanzia»: si tratta di rari, preziosi personaggi che calcano i palchi ormai da decenni e che, non avendo mai deluso le aspettative dei fan,...

Il violoncello moderno è (anche) donna
di Zeno Gabaglio

Il violoncello contemporaneo gode di una strana posizione – senz’altro inedita – tra gli strumenti monodici, cioè tra quegli strumenti che non hanno in sé un’estesa possibilità armonica e che quindi – a differenza di pianoforte, chitarra, organo, fisarmonica o arpa – non possono...

I desideri di Bill e il country del vecchio John
di Alessandro Zanoli

Sono tempi strani per il jazz. Si è sempre sostenuto che questo genere musicale fosse aperto alle più vari forme di contaminazioni stilistiche, alle influenze più eccentriche. Anzi: si ritiene generalmente che proprio grazie alla sua capacità di cercare nuove ispirazioni il jazz...

Una Ligetiade architettonica
di Elena Robert

Lungo La Via Lattea ci si ritrova, anno dopo anno, tra volti conosciuti e altri nuovi, a condividere un’esperienza coinvolgente, accomunati da voglia di camminare e desiderio di scoperta. Anche stavolta la magia sta per compiersi. L’avvicinamento a musiche raramente eseguite,...

L'evoluzione dentro
di Benedicta Froelich

Quando, nel luglio del 2015, è giunta come un fulmine a ciel sereno la notizia della morte dell’appena quindicenne Arthur Cave, uno dei quattro figli del cantautore australiano Nick Cave, sono stati in molti a chiedersi quali ripercussioni una simile disgrazia avrebbe avuto su colui...