Cose detestabili
di Mariarosa Mancuso

«Non è perché vi piacciono le stesse schifezze che vi innamorerete e starete insieme tutta la vita». La pillola di saggezza è in un film d’amore colpevolmente trascurato, se al cinema ci fosse giustizia dovrebbe essere – se non l’Harry ti presento Sally dei nostri tempi – almeno un...

Fra i libri
di Paolo A.Dossena

Quella del metodista George W. Bush è stata in realtà la «prima vera presidenza cattolica» degli Stati Uniti; e Bush è stato «il primo presidente cattolico degli Stati Uniti, di sicuro più del cattolico Kennedy». Come mai? George W. Bush ha adottato il principio della sussidiarietà,...

Viale dei ciliegi
di Letizia Bolzani

Vanna Cercenà, Una gatta in fuga, Giunti. Illustrazioni di Giulia Dragone. Da 8 anni «Io gli uomini proprio non li capisco. Perché si buttano addosso delle cose che scoppiano e fanno una gran fiamma?»: a parlare è una gattina, è lei l’io narrante e il punto di vista attraverso cui...

Di treni e di genealogie minute
di Alessandro Zanoli

Se per caso un giorno le FFS volessero dedicare ad Alberto Nessi uno dei loro bei treni Intercity ICN 500, così come hanno fatto per molti famosi scrittori elvetici, ne avrebbero tutte le ragioni. Prima di tutto perché molte delle sue poesie sono nate lì, tra un sedile e l’altro, tra...

La ragazza selvaggia e il «Terzo paesaggio»
di Laura Di Corcia

La Natura è buona o cattiva? L’epoca a cavallo fra Illuminismo e Romanticismo indagò il tema in lungo e in largo, e la risposta è ovviamente che la Natura è entrambe le cose. Ma ci sono domande che sono pozzi, fonti inesauribili di nuovi interrogativi e risposte, ed è su questo...

Le incandescenze della lingua
di Daniele Bernardi

Nella sua nota a Diafonie (Vanni Scheiwiller, 1995), Stefano Agosti scriveva di una «non facile collocabilità (...) nel quadro pur variegato dell’attività poetica contemporanea». A distanza di vent’anni, a seguito della pubblicazione di Sesterno nel 2005 e con l’uscita, ora, di...

Gemelli diversi in copertina
di Mariarosa Mancuso

«Una copertina austera e discreta. Forse grigio e grigio. Lettere uguali un po’ spesse. Tutto qui. Come impressionismo basta e avanza». Sono i desiderata di Louis-Ferdinand Céline, inviati per iscritto all’editore Robert Denoel, per la copertina di Viaggio al termine della notte...

Un linguista san Nicolao
di Stefano Vassere

«Cara Naima, purtroppo sai molto poco del nonno. A causa della grande differenza d’età e la distanza geografica. Sarebbe forse ora che ti raccontassi alcune cose di lui. Di un grande uomo dall’aspetto insignificante, leggermente curvo, con una lunga barba grigioargento, al quale anni...