Relazioni bilaterali da reinventare
di Marzio Rigonalli

L’interruzione dei negoziati con Bruxelles in vista di un accordo quadro è stato uno di quei momenti forti che entrano nella lista degli eventi importanti, positivi o negativi, che caratterizzano la storia recente della Confederazione. Le reazioni sono state molteplici, in...

In nome della democrazia
di Alessandro Carli

Il sostegno alla legge Covid-19, in votazione il 13 giugno prossimo, resta alto e non dovrebbe diminuire, diversamente da quello alla legge sul CO2 e alle due iniziative agrarie concernenti l’acqua, il cibo e i pesticidi, temi in perdita di consensi. Consiglio federale e parlamento,...

Nuova legge sul CO2: utile o iniqua?
di Alessandro Carli

È oramai assodato: l’eccessiva produzione di CO2, ossia di anidride carbonica, nota anche come diossido di carbonio, è la causa unanimemente riconosciuta del surriscaldamento del nostro pianeta. Sebbene i quasi 8 miliardi di persone del mondo, solo respirando, emettano sempre più...

«UE e Svizzera rimarranno comunque amiche»
di Ralf Kaminski, Laurent Nicolet

Ignazio Cassis, l’accordo quadro con l’Unione europea non può più essere salvato, giusto?C’è bisogno di una soluzione soddisfacente nei tre ambiti controversi della protezione dei salari, della direttiva sulla cittadinanza europea e degli aiuti di Stato. Senza una soluzione del...

Nebbia fitta tra Berna e Bruxelles
di Marzio Rigonalli

Che cosa farà il Consiglio federale nella trattativa con l’Unione europea sull’accordo istituzionale? Continuerà a negoziare o preferirà rinunciare visto che le posizioni delle due parti sono molto divergenti su più punti e che un compromesso appare molto lontano? È la questione...

Accordo quadro, il governo tergiversa
di Ignazio Bonoli

Chi pensava che il Consiglio federale precisasse, ancora prima di Pasqua, le sue posizioni sui rapporti con l’UE è rimasto deluso. Deluse sono rimaste anche le speranze che aveva suscitato l’intenzione di Ignazio Cassis di spostare le discussioni dal piano tecnico a quello politico....

Maudet sconfitto, per ora
di Marzio Rigonalli

Pierre Maudet, l’«enfant prodige» del partito liberale radicale ginevrino, è stato accantonato. L’esito dell’elezione suppletiva al Consiglio di Stato del canton Ginevra, favorevole alla verde Fabienne Fischer, ha chiuso un lungo periodo travagliato della politica ginevrina. Un...

Moutier dice addio a Berna
di Luca Beti

Sulla piazza davanti alla stazione di Moutier ci sono decine e decine di bandiere rosse e bianche. Non c’è quasi vento, ma gli stendardi fremono. Dalle prime ore del pomeriggio di domenica 28 marzo, alcune migliaia di separatisti si sono radunati fuori dall’Hôtel de la Gare, il loro...