Complotto di magistrati contro Lula?
di Angela Nocioni

Non era imparziale il giudice che a ridosso delle presidenziali dell’ottobre 2008 ha spalancato le porte del carcere all’ex presidente brasiliano Lula da Silva, candidato favorito secondo tutti i sondaggi (di tutti gli istituti di indagine, anche di quelli considerati ostili al...

Donne in Europa, più di prima ma non abbastanza
di Luisa Betti Dakli

Quante sono le donne che siederanno all’Europarlamento dopo le elezioni del 2019? Sicuramente più di prima ma secondo alcuni non abbastanza, perché anche se la percentuale è passata dal 36% del 2014 al 39% di oggi, al Parlamento europeo gli uomini sono ancora più del 60% e hanno...

«Sono al servizio della gente»
di Francesca Marino

«L’India ha votato contro il privilegio. La maggior parte del Paese è fatta di gente che lavora sodo, di gente che ha votato per uno di loro. Penso che il popolo indiano rispetti quelli che si sono fatti da soli, come si dice, e che voglia dei politici capaci finalmente di rispondere...

La rete si apre al resto dell'umanità
di Christian Rocca

Tenetevi forte perché la seconda metà dell’umanità, quella finora esclusa dalle gioie e dai dolori della Rete, sta per accedere a Internet. Immaginate che cosa potrebbe capitare alla società globale del nord e del sud del mondo quando altri due miliardi di persone che vivono in paesi...

L’Europa che piace a Trump
di Federico Rampini

Il Guastatore Capo è venuto a godersi lo spettacolo del caos europeo, a cui ha dato qualche contributo aggiuntivo. Donald Trump è stato a Londra, poi in Irlanda e Francia per le commemorazioni del D-Day, il 75esimo anniversario dello sbarco in Normandia. La circostanza è solenne,...

È il Regno Unito la vera posta in gioco
di Lucio Caracciolo

La partita del Brexit non riguarda tanto la permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea quanto l’esistenza stessa di quell’antica monarchia imperiale. Il referendum di tre anni fa mirava infatti, nelle intenzioni dei suoi promotori – inglesi conservatori più o meno radicali – a...

Dazi, si apre anche un fronte messicano
di Angela Nocioni

In assoluta controtendenza rispetto all’ascesa delle destre ai governi dei principali paesi latinoamericani e nel bel mezzo di un grande scontro politico con l’amministrazione Trump sulla questione migratoria, si rafforza in Messico il consenso al Movimiento Regeneración Nacional...

Le vittime del «corridoio» fra Cina e Pakistan
di Francesca Marino

Circa tremila dollari di anticipo e 250-300 dollari al mese fino a raggiungere una somma che varia tra i 12’000 e i 25’000 dollari americani. Che, tradotto in rupie pakistane, fa una somma di tutto riguardo. Se sei di nazionalità cinese è questo il prezzo di mercato, a Islamabad e...